Il wc tecnologico dal Giappone

Più hi-tech e, soprattutto, più eco-friendly. Il wc tecnologico del futuro sarà una perla di ingegneria, con funzioni che permetteranno non solo di rendere ancora più piacevoli i suoi utilizzi, ma anche di aiutare l’ambiente.  Tanto futuro in realtà è già parte del presente però non sul fronte occidentale, dove questo trend ancora non ha preso piede. Però in Giappone da decenni sono diffusi i washlet, dei wc con delle particolarissime caratteristiche frutto di tanto ingegno tecnologico. Ad esempio, tra i tanti input vi sono l’apertura e la chiusura automatica del coperchio, lo stesso coperchio può essere riscaldato con tanto di regolazione della temperatura. Inoltre, come ormai ci ha abituati la terra del sol levante, esistono anche tante funzioni bizzarre, come ad esempio, la possibilità di attivare dei suoni che vadano a coprire gli eventuali rumori imbarazzanti.

La tecnologia a servizio del wc

Inoltre, grazie agli smartphone e alla loro diffusione, sentiremo spesso parlare di domotica nella nostra quotidianità, nelle nostre case e oltre a poter essere sfruttata per ogni ambiente del bagno, dalla vasca alla doccia, questa tecnologia verrà usata anche per la toilette del futuro. Con pochi pulsanti chiari e indicati si potrà infatti riscaldare la tavoletta, attivare la musica restando comodamente seduti sul wc, attivare la pulizia automatica e tirare lo sciacquone anche da remoto, qualora ce ne fossimo dimenticati.

La tecnologia a servizio dell’ambiente

Ma il wc tecnologico del futuro sarà anche “green”. Nel Terzo mondo, la mancanza di impianti igienici adeguati causa ancora la morte di centinaia di persone ogni anno. Il multimiliardario Bill Gates, da sempre sensibile a queste problematiche, ha indetto negli scorsi mesi il concorso “Reinvent the toilet”, a cui hanno preso parte scienziati da tutto il mondo che hanno presentato i loro prototipi. Tra i wc presentati, alcuni permettono ad esempio di trasformare le deiezioni umane in energia o altre sostanze utili, come l’acqua per far funzionare i loro stessi sistemi interni. Il wc tecnologico non è comunque così distante dal presente e in ogni caso anche quando sarà in Italia, nella capitale ad esempio, non potrà sostituire il servizio di autospurgo a Roma, e tanti altri servizi in cui avremo sempre bisogno degli esperti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *