Verstappen e le altre Safety Car decisive

La vittoria di Max su Hamilton riapre la galleria delle corse ribaltate dagli imprevisti simili

L’ingresso della Safety Car a Yas Marina ha deciso le sorti dell’intero Mondiale del 2021. Solitamente, l’entrata della vettura, non ha sconvolto le sorti del Gran Premio, ma si sono verificate comunque delle eccezioni, come questa che ha visto trionfare Verstappen su un Hamilton che si riteneva già il campione. Questo episodio ha richiamato alla mente altri GP condizionati o addirittura decisi dalla Safety Car.

Se oltre allo sport ti piacciono i giochi online qui trovi maggiori informazioni e recensioni di Slot10 Casinò

Il GP Canada 1998 con tre Safety Car e la vittoria di Schumi

Il GP del Canada nel 1998 vide ben tre ingressi della Safety Car. La prima neutralizzazione dovuta ad una collisione al secondo via tra Alesi e Trulli. In seguito Pedro Diniz con la Arrows dopo una escursione, causando una seconda fase di bandiere gialle. David Coulthard con la McLaren Mercedes dominatrice dominatrice della prima parte della stagione tenta di riportarsi sulla Ferrari di Schumi, ma rompe l’acceleratore. La terza neutralizzazione causata da Salo che si schianta con la seconda Arrows. Si conclude con la vittoria di Schumi, riportandosi al comando e vincendo la seconda gara dell’anno. 

Canada, sta volta 4 Safety Car

Nove anni dopo di nuovo in Canada con un’altra gara caratterizzata da ben 4 ingressi della Safety Car. Comincia Adrian Sutil che sbatte al ventiduesimo giro. Alonso e Rosberg penalizzati ed Hamilton viene raggiunto dal resto del gruppo, ma la Mercedes Amg adibita a Safety Car non ha fatto in tempo a riprendere posto ai box che Robert Kubica, al ventisettesimo giro, resta coinvolto in un incidente alla curva nove: quindi viene fatta entrare una seconda Safety Car di “emergenza”, una Honda Civic. Terza Safety Car per via di Albers che lascia dei detriti in pista e quarta e ultima Safety Car dopo che la Toro Rosso di Liuzzi urta sul Muro dei Campioni. Delle tante neutralizzazioni, si giova un ottimo Takuma Sato, con un sesto posto in classifica.

La rimonta di Alonso grazie alla Safety del GP di Singapore

Uno dei Gran Premi che ha maggiormente risentito di una fase di Safety Car, è senz’altro il GP di Singapore del 2008. L’episodio incriminato è l’incidente di Nelson Piquet jr alla Raffles Avenue, apparentemente causato da un ingresso con velocità eccessiva. La rimozione della vettura costringerà l’ingresso della Safety Car e Fernando Alonso darà il via ad una rimonta incredibile. 

Lewis Hamilton e Jarno Trulli: chi aveva ragione?

Nel 2009, Lewis Hamilton si trova in difficoltà, dopo la conquista del suo primo titolo mondiale. La McLaren paga dazio nei confronti delle emergenti RedBull e Brawn GP. A Melbourne, in occasione del GP d’Australia, si verifica una neutralizzazione che porterà ad un finale sgradevole. Lewis lascia così passare la Toyota di Jarno Trulli, mentre il gruppo è dietro la vettura di sicurezza. Inizialmente Hamilton sostiene di averlo lasciato passare non sapendo chi fosse davanti prima dell’ingresso della vittura di sicurezza, dopodiché cambia totalmente versione sostenendo che Trulli è passato deliberatamente. In seguito si scopre che Hamilton ha ricevuto un preciso ordine dal box della McLaren di lasciare avanti Trulli. Tre gare squalificate per la McLaren decise dalla Direzione di Gara, “smorzat” con la condizionale.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *